NORMATIVA COVID – Aggiornamenti al 01/09/2021

NORME COVID IN RIFERIMENTO AGLI ULTIMI ADEGUAMENTI NORMATIVI

DPCM 02.03.2021 - DL n.52 del 22.04.2021 – DL n.65 del 18.05.2021 – DL n.87 del 17.06.2021 – DL 105 del 23.07.2021 – DL n.111 del 06.08.2021 – Linee Guida Sport Governo del 06.08.2021 – Circolare 10.08.2021

(i punti in rosso hanno subito modifiche rispetto all'aggiornamento del 6 agosto 2021, in verde gli aggiornamenti del 1 settembre 2021 in riferimento alle risposte ricevute da emergenzacovid.sport@governo.it)

A chi è richiesto?

Per tutti coloro che hanno dai 12 anni in su, il Green Pass sarà richiesto per poter svolgere o accedere alle seguenti attività o ambiti a partire dall’6 agosto 2021:
- Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso; (art.4 del 22.04.21)
- Pubblico presente negli Spettacoli e negli eventi e competizioni sportivi sia all'aperto che al chiuso; (art.5 del 17.06.21)
- Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre; (art.5bis del 22.04.21)
- limitatamente alle attività al chiuso, in piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, strutture ricettive, ove viene svolta attività sportiva di base e motoria in genere; (art.6 del 22.04.21 e Linee Guida per l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere del 06.08.21)
- Centri culturali, centri sociali e ricreativi, circoli associativi del terzo settore, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione; (art.8bis del 17.06.21)
- Sagre e fiere, convegni e congressi;
- Centri termali, parchi tematici e di divertimento;
- Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
- Concorsi pubblici.

Come ottenere il Green Pass?

Il Decreto prevede che dal 6 agosto 2021, anche in zona bianca, per tutti coloro che hanno età dai 12 anni in su, sarà possibile accedere alle attività sopra indicate solo se si è in possesso di:

- certificazioni verdi Covid-19 (Green Pass), comprovanti:
- l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 (validità 9 mesi)
- o la guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi);
- oppure l' effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore).

Per chi non può ricevere il vaccino è importante essere in possesso di un documenti di esenzione dalla vaccinazione.

Come fare a scaricare il Green Pass?

Richiedere il codice AuthCode al proprio distretto sanitario e per stampare la green pass, con il numero della tessera sanitaria andare nel presente sito https://www.dgc.gov.it/spa/public/home Il documento di green Pass può essere tenuto sia cartaceo che tramite cellulare.
Consigliato l'utilizzo della app AICS 2.0.

Come fare se in posesso di tampone?

L’accesso a servizi e attività di piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all'interno di strutture ricettive, di cui all'articolo 6, limitatamente alle attività al chiuso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19, di cui all'articolo 9, comma 2 del DL 22 aprile 2021, n.52.

Il possesso della Certificazione Verde è richiesto anche per gli atleti agonisti o di rilevanza nazionale che accedono ai servizi e attività per i quali la normativa lo prevede.

Pertanto non sono accettati tamponi effettuati da medico societario o in modo autonomo.
(vedi mail di emergenzacovid.sport@governo.it del 01.09.2021)

Come fare per verificare io Green Pass?

Comoda la app VERIFICAC19 scaricabile in tutti i cellulari, oppure tramite controllo del documento cartaceo verificando la data di emissione, nonché il periodo di validità. Non va richiesto un documento di identità che ne convalidi la veridicità del documento (Circolare del 10.08.21)

Chi deve verificare?

I titolari o i gestori dei servizi e delle attività sono tenuti a verificare che l’accesso ai predetti servizi e attività avvenga il possesso del Green Pass.

Serve registrare i riferimenti del Green Pass?

Non è indicato in nessun Decreto al momento, quindi non serve fare nessuna registrazione, pertanto rimane valida la compilazione dei registri presenza richiesti per determinate attività, con eventuale indicazione del giorno di verifica del Green Pass del socio/fruitore del servizio.

Chi deve conservare il Green Pass o copia del Tampone?

Obbligo di conservazione, nonché esibizione, è a cura del possessore del Green Pass che ne deve sempre avere copia in formato cartaceo o elettronico con se.

I lavoratori nelle strutture ove è necessario l’accesso con Green Pass, devono essere vaccinati?

In riferimento alla necessità di possesso della certificazione verde da parte di operatori come istruttori, tecnici, amministrativi, collaboratori sportivi, receptionist, etc. che operano all’interno di strutture in cui è richiesta la stessa, si rappresenta che la normativa vigente all'articolo 9-bis del DL 22 aprile 2021, n.52 (convertito dalla L. 18 giugno 2021, n.87) introdotto con il DL 23 luglio 2021, n.105 ne prevede l’obbligo esclusivamente per gli utilizzatori dei servizi e attività di piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all'interno di strutture ricettive, di cui all'articolo 6, limitatamente alle attività al chiuso.
(vedi mail di emergenzacovid.sport@governo.it del 01.09.2021)

Ristorazione

ALL'INTERNO:
Dal 6 agosto obbligo di Green Pass per il servizio al tavolo all'interno.
Codici ATECO di riferimento: 56.1 Ristoranti e attività di ristorazione Mobile e 56.2 fornitura di pasti preparati (catering) e altri servizi di ristorazione. 

Vademecum - ristorazione

Accesso degli utenti con mascherina da mantenere in tutti gli spazi, tranne che da seduti
Tavoli con distanziamento di 1 metro
Presenza di gel all’ingresso e in prossimità delle sale da pranzo
Se si consuma seduti all’interno, esibizione del Green Pass e verifica tramite app Verfica-19

Vademecum - Somministrazione alimenti in circoli

Dal 6 agosto obbligo di Green Pass al chiuso

SONO AMMESSE le attivita' di somministrazione di alimenti e bevande delle associazioni ricomprese tra gli enti del Terzo settore, che possono proseguire nel rispetto delle condizioni e dei protocolli di sicurezza e in riferimento alle limitazioni legislative ossia:

  • Zona Bianca consentita consumazione in senza limiti di orari
  • Zona Gialla consentita consumazione in loco dalle 5 alle 18 poi valgono le regole della zona arancione
  • Zona Arancione e Zona Rossa resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

SPORT

In Zona Bianca e in Zona Gialla possono svolgere attività sia gli atleti Agonisti che non Agonisti in piscine, centri natatori, palestre, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive.
Le attività devono essere svolte in conformità ai protocolli e alle linee guida adottati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per lo sport.

Regola base per lo sport individuale: Ammesso sport con distanziamento di 2 metri tra atleti.
In Zona Bianca e in Zona Gialla è ammesso lo sport di contatto anche all’interno.

Numero persone negli impianti sportivi: La determinazione del numero massimo di persone che possono essere presenti in contemporanea all’interno della struttura deve risultare dal rispetto dell'area prevista di 12mq per persona

Spogliatoi: Fermo restando quanto detto sopra relativamente al numero massimo di persone nella struttura, per calcolare il numero massimo di persone che possono essere presenti in contemporanea nello spogliatoio sarà necessario organizzare gli spazi in modo da assicurare il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro (ad esempio prevedere postazioni d’uso alternate). Tale numero va indicato su un cartello affisso obbligatoriamente all'entrata dello spogliatoio.
L'utilizzo di DOCCE è ammesso, salvo diverse prescrizioni del gestore della struttura.
È vietato l’uso di dispositivi comuni, quali asciuga capelli, ecc. che, al bisogno, dovranno essere portati da casa.

In riferimento all’utilizzo degli spogliatoi ALL’APERTO si comunica che per gli stessi non è richiesto il possesso della Certificazione Verde, ma permane l’obbligo di mantenimento del distanziamento interpersonale di almeno 1 metro, di tenere correttamente indossata la mascherina, e di rispettare quanto indicato all’interno delle Linee guida per l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere, ed anche delle FAQ pubblicate sul sito del Dipartimento per lo sport.
(vedi mail di emergenzacovid.sport@governo.it del 01.09.2021)

In Zona Arancione e Zona Rossa
Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per quelli che effettuino l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e per attività riabilitative e terapeutiche (art.17 DPCM del 02/03/21)

In Zona Bianca, in Zona Gialla e Zona Arancione
All'esterno dei centri e circoli sportivi, pubblici e privati può essere svolta l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte, i contenuti dei protocolli Emessi da Federazioni e Enti di promozione. L'attività può essere svolta in modo INDIVIDUALE e DI CONTATTO.
Vietato l'utilizzo di spogliatoi interni ai centri sportivi. La società sportiva, anche se svolge solo attività all'esterno, deve avere tutta la documentazione necessaria che attesti la regolarità dell'allenamento (art.17 DPCM del 02/03/21)

In Zona Rossa sono SOSPESE le attività sportive e motorie svolte nei centri sportivi e circoli all’aperto.
AMMESSE: Attività motoria (in prossimità dell’abitazione); attività sportiva all’aperto e in forma individuale (non risultano limitazioni spaziali); lo spostamento deve avvenire nel comune di abitazione, salvo che nel comune di abitazione non sia disponibile l’attività da svolgere.

Vademecum - sport all'interno sia individuali, che di coppia che di squadra

Obbligo di Green Pass:
- sport a qualsiasi livello al chiuso individuale svolto in piscine, centri natatori, centri benessere, strutture ricettive e palestre intese come qualunque tipologia di locale al chiuso o insieme di locali in cui viene svolta attività fisica o motoria a secco.

- allenamenti al chiuso di coppia, squasra e/o contatto svolti in qualsiasi struttura (sport di squadra, ovvero gli sport di contatto, sono definiti con il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 13/10/2020)

-  Accesso CON MISURAZIONE DI TEMPERATURA e compilazione registro dei presenti Distanziamento di 1 metro nelle zone di attesa
- Distanziamento negli spogliatoi di 1 persona ogni 12 mq
- Se età dai 12 anni in su, verifica del Green Pass tramite app VERIFICA-19 o Verifica cartacea del Tampone nelle 48h (*)
- Indicazione nel registro della verifica del Green Pass
- Presenza di gel all’ingresso e nella zona di attività ogni 300 mq
- Se sport individuale distanziamento di 2 metri e no mascherina

(*) la verifica può essere sostituita dall’inserimento dei documenti nella App AICS 2.0 che permette alle associazioni di verificare in ogni momento i documenti degli associati.

Vademecum - sport all'esterno sia individuale che di squadra

NO Green Pass

- Accesso CON MISURAZIONE DI TEMPERATURA e compilazione registro dei presenti
- Distanziamento di 1 metro nelle zone di attesa
- Uso di zone spogliatoio all’esterno
- Presenza di gel all’ingresso e nella zona di attività ogni 300 mq
- Se sport individuale distanziamento di 2 metri e no mascherina

Eventi e competizioni sportive di livello agonistico e non agonistico

Dal 6 agosto:

- eventi all'interno: obbligo per tutti coloro che accedono all'impianto di Green Pass
- eventi all'aperto: per il solo pubblico vige obbligo Green PASS

In Zona Bianca e in Zona Gialla
E' consentito organizzare e partecipare a eventi e competizioni sportive, sia agonistiche che non agonistiche riguardanti gli sport individuali e di squadra. L’organizzazione deve avvenire in riferimento a specifici protocolli di gestione della manifestazione, ove non presenti protocolli, attenersi alle “Linee Guida per l’organizzazione di eventi e competizioni sportive” del 1 giugno 2021.
Trattandosi di competizioni, gli atleti possono partecipare solo se in possesso di certificato medico agonistico o non agonistico

Dal 1° giugno all’aperto e dal 1° luglio al chiuso è possibile la presenza di pubblico a tutti gli eventi e alle competizioni sportive rispettando le seguenti indicazioni:

  • distanza interpersonale di almeno un metro per gli spettatori abitualmente non conviventi e per il personale;

  • utilizzo esclusivo di posti a sedere preassegnati;

  • rispetto delle linee guida adottate dal Dipartimento per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri “Linee Guida per l’organizzazione di eventi e competizioni sportive” sia per gli atleti che per il pubblico presente

  • la capienza consentita non può superare il 25% di quella massima e non può comunque essere superiore a 1000 spettatori per gli impianti all’aperto e 500 spettatori per quelli al chiuso;

  • Dal 6 agosto per quanto riguarda gli eventi sportivi le nuove regole sono:
    – zona bianca: 25% di capienza massima al chiuso e 50% all’aperto.
    – zona gialla: 25% di capienza massima e comunque non più di 1.000 persone al chiuso e 2.500 all’aperto.

  • Dal 1 settembre per quanto riguarda gli eventi sportivi le nuove regole sono:
    – zona bianca: 35% di capienza massima al chiuso e 50% all’aperto.
    – zona gialla: 25% di capienza massima e comunque non più di 1.000 persone al chiuso e 2.500 all’aperto.

Se non è possibile il rispetto delle condizioni precedenti gli eventi devono svolgersi senza pubblico.

L’obbligo di possedere una certificazione verde COVID-19 NON SI APPLICA, invece, nel caso in cui gli eventi si svolgano in luoghi all’aperto privi di specifici e univoci varchi di accesso, come ad esempio in piazze, vie o parchi pubblici, a cui possono accedere anche soggetti per fini diversi da quello di assistere all’evento che non è quindi destinato ad un pubblico predefinito e contenuto in spazi dedicati in modo esclusivo all’evento stesso.

In Zona Arancione
E' consentito organizzare e partecipare a eventi e competizioni sportive, di livello agonistico riconosciuti di preminente interesse nazionale dal CONI e dal CIP, riguardanti gli sport individuali e di squadra, nei settori professionistici e non professionistici dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva.
Gli atleti, ammessi agli allenamenti, devono avere età congrua ed essere in possesso di tessera agonistica. La società sportiva deve avere in sede tutta la documentazione necessaria che attesti la regolarità dell'allenamento.

In Zona Rossa NON SONO AMESSI EVENTI ORGANIZZATI DA ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA AMMESSE SOLO ATTIVITA' FEDERALI (art.18 DPCM del 02/03/21)

Vademecum - accesso del pubblico

- Accesso tramite assegnazione del posto, consigliata compilazione di un registro Presenze. Attenzione al massimo di persone che possono essere presenti
- Se età dai 12 anni in su, verifica del Green Pass tramite app VERIFICA-19 o Verifica cartacea del Tampone nelle 48h
- Distanziamento posti di 1 metro
- Obbligo mascherina per tutta la permanenza - Presenza di gel all’ingresso

ATTIVITÀ OLISTICA

Obbligo di Green Pass se svolta all'interno di strutture.
No Green Pass se svolta all'aperto
Vedi settore SPORT

In Zona Bianca è ammessa l’attività olistica sia all’esterno che all’interno, nel rispetto dei protocolli

In Zona Gialla e Zona Arancione
L'attività olistica è ammessa SOLO all'aperto

In Zona Rossa E' AMMESSA L'ATTIVITA' SOLO AL DI FUORI DEI CENTRI SPORTIVI

CULTURA

Dal 6 agosto obbligo di Green Pass per attività al chiuso

Per lo svolgimento delle attività, attenersi alle LINEE GUIDA PER LA RIPRESA DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE E SOCIALI emesse il 28.05.21

In Zona Bianca possono riaprire i centri culturali e ricreativi, nel rispetto dei protocolli
In Zona Gialla, Zona Arancione e Zona Rossa
Fino al 1 LUGLIO sono SOSPESE LE ATTIVITÀ di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi sia all'interno che all'esterno non rientranti nella didattica (art.16 DPCM del 02/03/21 - art 2 - bis Delibera)

Vademecum - Cultura

Dal 6 agosto obbligo di Green Pass al chiuso

- Accesso com compilazione registro dei presenti
- Distanziamento di 1 metro
- Se età dai 12 anni in su, verifica del Green Pass tramite app VERIFICA-19 o Verifica cartacea del Tampone nelle 48h
- Indicazione nel registro della verifica del Green Pass
- Presenza di gel all’ingresso e nella zona di attività ogni 300 mq
- Obbligo mascherina per tutta la permanenza
- Presenza di gel all’ingresso e nelle sale

Disabilità motoria e disturbi spettro autistico

Chi accede ai servizi esclusivamente per usufruire dell’erogazione di prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e per le attività riabilitative e terapeutiche, NON deve essere munito di certificazione verde COVID-19 (FAQ governo)

In Zona Bianca nessuna limitazione nel rispetto dei protocolli

In Zona Gialla, Zona Arancione e Zona Rossa Le persone con disabilità motorie o con disturbi dello spettro autistico, disabilità intellettiva o sensoriale o problematiche psichiatriche e comportamentali o non autosufficienti con necessità di supporto, possono ridurre il distanziamento sociale con i propri accompagnatori o operatori di assistenza, operanti a qualsiasi titolo, al di sotto della distanza prevista, e, in ogni caso, alle medesime persone è sempre consentito, con le suddette modalità, lo svolgimento di attività motoria anche all’aperto. (art.3 DPCM del 02/03/21)

Didattica

Per la didattica attenersi alle Linee definite per la scuola nel DL 06/08/21 nr.111

In Zona Bianca nessuna limitazione nel rispetto dei protocolli

In Zona Gialla, Zona Arancione
Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica in modo che almeno al 50 per cento e fino a un massimo del 75 per cento della popolazione studentesca delle predette istituzioni sia garantita l'attività didattica in presenza. La restante parte della popolazione studentesca si avvale della didattica a distanza
L'attività didattica ed educativa per i servizi educativi per l'infanzia, per la scuola dell'infanzia e per il primo ciclo di istruzione continua a svolgersi integralmente in presenza

In Zona Rossa sono sospese le attività dei servizi educativi dell’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, e le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado si svolgono esclusivamente con modalità a distanza.

Attività ludiche, ricreative ed educative

Non è richiesto il Green Pass per attività educative per l’infanzia, per i centri estivi.
Per le altre attività svolte in circoli culturali e ricreativi dal 6 agosto è richiesto

In Zona Bianca nessuna limitazione nel rispetto dei protocolli

In Zona Gialla, Zona Arancione è consentito l'accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all'aria aperta, con l'ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle linee guida del Dipartimento per le politiche della famiglia di cui all'allegato 8(**). (art.20 DPCM del 02/03/21) (attività fino ai 17 anni) FONDAMENTALE CHIEDERE AUTORIZZAZIONE PER QUESTO TIPO DI ATTIVITA'

In Zona Rossa l'attività NON È FORMALMENTE VIETATA, ma vista la sospensione dell'attività didattica, è CONSIGLIATA la richiesta di autorizzazione al proseguo.

(**) L'allegato 8 si riferisce alla regolamentazione delle aperture di parchi, giardini pubblici e aree gioco per la frequentazione da parte dei bambini, anche di età inferiore ai 3 anni, e degli adolescenti; e alla realizzazione di attività ludico-ricreative, di educazione non formale e attività sperimentali di educazione.

SPETTACOLI CULTURALI

Dal 6 agosto obbligo di Green Pass sia per eventi all'aperto che per eventi al chiuso.

In Zona Bianca e Zona Gialla in gli eventi sono consentiti solo con posti a sedere preassegnati e con distanza di almeno un metro per gli spettatori non conviventi. L’accesso è consentito solo ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19.

  • Per quanto riguarda cinema, teatro, concerti, le nuove regole sono:
    zona bianca: 25% di capienza massima al chiuso e 50% all’aperto e comunque non più di 2.500 persone al chiuso e 5.000 all’aperto.
    zona gialla: 50% di capienza massima e comunque non più di 1.000 persone al chiuso e 2.500 all’aperto.

L’obbligo di possedere una certificazione verde COVID-19 NON SI APPLICA, invece, nel caso in cui gli eventi si svolgano in luoghi all’aperto privi di specifici e univoci varchi di accesso, come ad esempio in piazze, vie o parchi pubblici, a cui possono accedere anche soggetti per fini diversi da quello di assistere all’evento che non è quindi destinato ad un pubblico predefinito e contenuto in spazi dedicati in modo esclusivo all’evento stesso.

Vademecum - Pubblico per spettacoli

Dal 6 agosto obbligo di Green Pass sia per eventi all'aperto che per eventi al chiuso.

- Accesso tramite assegnazione del posto, consigliata compilazione di un registro Presenze. Attenzione al massimo di persone che possono essere presenti
- Se età dai 12 anni in su, verifica del Green Pass tramite app VERIFICA-19 o Verifica cartacea del Tampone nelle 48h
- Distanziamento posti di 1 metro
- Obbligo mascherina per tutta la permanenza
- Presenza di gel all'ingresso

TERMINI E DEFINIZIONI

Da FAQ sito Sport-Governo aggiornate al 31.08.2021

  • Qual è la differenza tra attività dilettantistica e attività ludico-amatoriale?
    L’attività sportiva dilettantistica è svolta all’interno di una cornice organizzata e riconosciuta da enti sportivi (Federazioni sportive nazionali, Enti di promozione sportiva e Discipline sportive associate) mediante tesseramento ad una ASD/SSD. L’attività ludico-amatoriale è invece svolta in autonomia, in forma privata, generalmente senza tesseramento (es. partita di calcetto organizzata tra amici o colleghi) o, comunque, qualificata come amatoriale.
  • Quali sono gli sport di contatto?
    In termini generici, ci sono sport che prevedono contatto diretto o indiretto tramite l’attrezzatura sportiva tra i giocatori. A seguito dell’emergenza epidemiologica e dell’esigenza di limitare al massimo le occasioni di contagio, è stato necessario disciplinare la tematica con l’emanazione del decreto del Ministro dello sport 13 ottobre 2020 che indica quali siano gli sport da contatto e quali di questi, in caso di restrizioni, sia possibile svolgere in forma individuale.
  • Cosa si intende per “attività svolta in forma individuale”?
    Si intende l’attività sportiva o motoria svolta anche in più persone, ma senza contatto tra loro. Possono essere svolti in forma individuale allenamenti relativi a sport di squadra o di contatto.
  • Cosa si intende per palestra?

    Con il termine “palestra” si intende qualunque tipologia di locale al chiuso o insieme di locali in cui viene svolta attività fisica o motoria a secco.
    Tale attività può essere svolta in forma individuale, di squadra o di contatto, indipendentemente dall’utilizzo di attrezzi, dalla presenza di spogliatoi, di servizi igienici e docce.

    Vecchia definizione del 06.08.2021

    Con il termine “palestra” si intende qualunque locale o insieme di locali destinato allo svolgimento di esercizi atletici o ginnici a secco, individuali o di squadra, fornito degli attrezzi necessari, di spogliatoi, di servizi igienici e docce.

TABELLA RIEPILOGATIVA

MAIL DI EMERGENZACOVID.SPORT@GOVERNO.IT